Articoli

Nasce il “Repertorio 2020/2022 delle aziende del settore del riscaldamento a biomassa”

Uscirà a febbraio, in occasione di Progetto Fuoco

Sarà il primo “Repertorio 2020/2022 delle aziende del settore del riscaldamento  a biomassa

Il più completo database internazionale delle aziende che operano nel settore del riscaldamento e della produzione di energia attraverso la combustione di legna uscirà in occasione di Progetto Fuoco, in programma dal 19 al 22 febbraio 2020 a Veronafiere.

1.000 aziende, 350 pagine, 48 classi merceologiche sono i numeri di questo nuovo strumento di lavoro, redatto in italiano, inglese, francese e tedesco.

Distribuito in 10.000 copie

Il Repertorio verrà stampato in 10.000 copie e verrà venduto in Fiera agli operatori e on-line su www.progettofuoco.com, distribuito in Fiera ad espositori, delegazioni di operatori stranieri, autorità e rappresentanti delle Istituzioni ma soprattutto inviato in modo mirato a studi di progettazione italiani e stranieri, importatori e distributori stranieri, buyers della grande distribuzione e distribuito a operatori durante le presenze all’estero di Progetto Fuoco.

TOP Aziende: massima visibilità all’eccellenza

Nelle prime pagine del Repertorio, una sezione denominata “TOP Aziende” ospiterà in due pagine italiano/inglese il profilo delle aziende che vorranno emergere e presentarsi in modo più approfondito.

Clicca qui per prenotare la doppia pagina italiano/inglese da inserire nella sezione “TOP Aziende”

 

Caminetto Urfeuer di Brunner, in anteprima a Progetto Fuoco

Per l’inizio di una lunga amicizia con il fuoco aperto

I caminetti Urfeuer sono una promessa: di sicurezza, di esperienza sensuale, di atmosfera pura. Una costruzione straordinaria, progettata, sviluppata e prodotta per piacere e divertimento – la massima qualità per i momenti più belli della vita. È una filosofia che è stata coltivata da BRUNNER negli ultimi 70 anni e che può essere trovata in ogni camino Urfeuer dal 1996.

Godere maggiormente del fuoco? Impossibile

Sentire, annusare, ascoltare il legno che brucia – essere il più vicino possibile, senza vetro, senza problemi tecnici. Probabilmente il più antico tipo di camino ha ancora oggi un fascino incomparabile. I caminetti Urfeuer sono prodotti da BRUNNER già dal 1996. Con un nuovo design tecnico sofisticato, si adattano perfettamente agli spazi abitativi attuali in ogni situazione. Design moderno e lineare con rivestimenti protettivi in ghisa minimalisti, che continua sulle facce esterne visibili del camino. Il camino Urfeuer si concentra sull’esperienza sensuale: la potenza di riscaldamento è meno importante. Distenditi, sogna e rilassati. Te lo meriti in questi tempi frenetici.

Sicurezza garantita

Un dettaglio importante per ogni fuoco aperto è la protezione anti-scintilla. Non importa se stai usando legno di conifere che fa scintille o vuoi essere sicuro che il camino sia sicuro dopo la fine della combustione – solo per assicurarti che non cadranno braci ardenti. Questa caratteristica di sicurezza è di serie su tutti i caminetti Urfeuer. La protezione anti-scintilla è realizzata in maglia di acciaio inossidabile con rivestimento nero che si muove su un meccanismo di guida semplice e stabile. Dal punto di vista tecnico, funziona come una porta vetrata ed è dotata di contrappesi per l’equilibrio. Il miglior accorgimento: nessuna dotazione tecnica è visibile un volta nascosta, perché la rete e la sua meccanica sono sollevate e abbassate attraverso uno stretto spazio tra le piastre di protezione antincendio. L’accesso è semplice e facile, poiché le piastre di protezione antincendio possono essere staccate senza alcun attrezzo. Alla fine, vale la pena ricordare che durante la combustione la rete anti-scintilla è quasi “invisibile” di fronte alle fiamme ardenti, vale a dire che la noterete a malapena quando abbassata.

Brunner

Aspirazione e scarico dell’aria brevettati

L’arte di progettare un camino aperto per gli spazi abitativi consiste nell’evitare che i gas del fumo si diffondano nella stanza. Con il sistema di scarico in attesa di brevetto sviluppato da BRUNNER appositamente per i caminetti Urfeuer, è possibile garantire un funzionamento senza fumo anche in ambienti ristretti.

Bilanciamento della pressione con l’aria dell’ambiente

I fuochi aperti di solito consumano enormi volumi d’aria dalla stanza di installazione. Negli edifici più vecchi, è possibile compensare questi volumi d’aria mancanti attraverso crepe e lacune su porte e finestre. Gli attuali metodi di costruzione con involucro edilizio isolato e ermetico lo rendono impossibile per definizione. Pertanto, i caminetti Urfeuer hanno un bilanciamento della pressione controllabile grazie a una presa d’aria esterna di dimensioni generose (ø 250 mm). Ciò consente un sufficiente “rifornimento di aria ausiliaria” che viene anche preriscaldato contemporaneamente e fornito come tale in modo piacevole alle aree all’interno.

Puoi toccare con mano prodotti come il caminetto Urfeuer visitando l’area espositiva di Brunner durante Progetto Fuoco nel Padiglione 5 stand A-11. Visitare il sito Web dell’azienda per ulteriori dettagli sui prodotti Brunner su www.brunner.eu

Risparmiare con il pellet

Col pellet meno spese di riscaldamento e benefici per l’ambiente

Quanto e come il pellet migliora il bilancio delle famiglie, il clima e l’economia

La principale fonte energetica di alimentazione degli impianti di riscaldamento delle case italiane è ancora il metano, utilizzato da oltre il 70% delle famiglie. Anche la legna però è molto popolare. Secondo i dati Istat, più di una famiglia italiana su cinque fa uso di legna per scopi energetici, mentre solo il 4,1% utilizza il pellet. Nonostante la sua ancora scarsa diffusione, il pellet è un’alternativa molto valida, più economica rispetto alle fonti fossili e più rispettosa dell’ambiente, anche a confronto della stessa legna. Vediamo perché.

Fa bene al bilancio delle famiglie

Si calcola che il pellet permetta di risparmiare oltre 220 euro all’anno, nel caso venga usato per sostituire un impianto a metano, poco meno di 800 euro all’anno in caso di sostituzione di gasolio e oltre 1.200 euro all’anno in caso di sostituzione del GPL. *

La tecnologia del pellet, per la quale l’Italia è leader mondiale, ha fatto passi da gigante. I prodotti attualmente sul mercato (stufe, camini, caldaie) hanno rendimenti sempre più alti e mantengono bassi i consumi di combustibile. Sono inoltre in grado di soddisfare moltissime esigenze. Da piccole stufe, da usare saltuariamente nelle mezze stagioni o nelle case con basso fabbisogno termico, si passa a prodotti che rappresentano dei veri e propri mini impianti e scaldano efficacemente intere abitazioni o anche l’acqua sanitaria.

pellet

Fa bene al clima

Riscaldare con un combustibile naturale come il pellet, prodotto esclusivamente con scarti di legno vergine, senza colle né vernici, è un importante contributo alla lotta contro i cambiamenti climatici. Il pellet emette 10 volte meno anidride carbonica rispetto alle fonti fossili tradizionali. Se riscaldiamo una casa di 150 metri quadri con il pellet anziché con metano o gasolio, riduciamo di oltre 2.400 kg all’anno la CO2 emessa in atmosfera.

Certo, l’anidride carbonica non è l’unico fattore di inquinamento dell’aria. Ma anche nell’ambito delle tanto temute “polveri sottili”, il pellet, specie se certificato e utilizzato in impianti moderni, ne esce vincitore. Il fatto che la combustione avvenga in un ambiente più controllato, dove gli interventi umani sono minimi, e che il pellet sia standardizzato quanto a umidità e composizione, permette livelli di emissioni di polveri almeno 10 volte inferiori a quelle della legna. Secondo studi recenti, una rilevante riduzione delle emissioni di PM10 (oltre l’80%) in sarebbe ottenibile sostituendo i camini a legna con focolare aperto e le stufe obsolete con stufe o caldaie a pellet innovative.

Fa bene all’economia locale

Al contrario delle fonti fossili prodotte in Paesi esteri e contribuiscono a finanziare altre economie, la produzione di pellet locale ha una ricaduta molto positiva sul territorio di produzione. Si calcola che 60 tonnellate di pellet prodotte e consumate localmente creano 200 ore di lavoro all’anno, contro le 10 ore di lavoro generate dal gas metano a parità di energia prodotta.

In Italia, dove sono presenti i maggiori produttori internazionali di apparecchi a pellet, la produzione del combustibile è ancora agli inizi. Il potenziale di sviluppo è notevole, sia per la domanda in crescita, sia per la superficie forestale presente nel nostro Paese, che viene sfruttata solo in minima parte per produrre combustibile. Basti pensare che in Austria e Germania, grandi produttori di pellet e legname, si preleva dal bosco il 70-80% dell’incremento legnoso annuo, mentre in Italia non arriviamo al 25%.

Infine, un mito da sfatare: non è affatto vero che utilizzare il bosco per produrre legname contribuisca al disboscamento. È vero il contrario e gli esempi citati di Austria e Germania lo dimostrano: se il bosco produce reddito, sarà tutelato e gestito perché continui a produrne. In caso contrario nessun intervento diventerà economicamente sostenibile e il bosco tenderà ad essere abbandonato o trasformato in qualcos’altro.

Troverete tutto il meglio del pellet alla prossima edizione di Progetto Fuoco, 19-22 febbraio 2020, Fiera di Verona

* dati Aiel calcolati per un’abitazione di 150 metri quadri con medio isolamento (12 MWh di fabbisogno termico primario, che significa un consumo di 1200 Nm3 di metano, 1200 litri di gasolio, 2550 kg di pellet)

L’Italia che Rinnova – campagna di comunicazione a sostegno del settore del riscaldamento a biomassa

 

Dal legno l’energia nuova per un Paese sostenibile

L’Italia che rinnova: un grande progetto di comunicazione nell’interesse dell’ambiente, dei consumatori, del Paese

L’Italia che Rinnova è una campagna di comunicazione lanciata da associazioni, operatori e imprese del settore del riscaldamento a biomassa legnosa. La campagna ha lo scopo di valorizzare l’energia che viene dal legno, facendo emergere una realtà poco conosciuta: il legno è la prima tra le energie rinnovabili (il 33% in Italia e il 40% nel mondo) e la seconda fonte di riscaldamento per le famiglie italiane.

Rinnovare l’energia vuol dire rinnovare la qualità della vita di tutti

Il legno: per un calore che unisca ambiente, risparmio e sviluppo, valorizziamo la più antica e più moderna delle energie rinnovabili

• È la prima energia rinnovabile (40% nel mondo, 33% in Italia)
• È la seconda fonte di riscaldamento per le famiglie italiane
• Consente fino al 75% di risparmio sulla bolletta rispetto alle fonti fossili
• Genera imprese e posti di lavoro in Italia
• È un’eccellenza italiana: il 70% degli apparecchi a pellet in Europa sono Made in Italy
• Valorizza e tutela il patrimonio boschivo italiano
• Con le altre energie rinnovabili combatte l’effetto serra
• È un settore con forti investimenti in nuove tecnologie
• Già oggi i nuovi apparecchi abbattono le emissioni fino all’80% rispetto ai vecchi generatori
• Contribuisce a rispettare i parametri europei sulle energie rinnovabili.

Cosa sono le energie rinnovabili?

Sono tutte quelle energie alternative alle energie da fonti fossili (petrolio, gas). Contrariamente alle fonti fossili, che tendono ad esaurirsi, le rinnovabili sono potenzialmente infinite. Le rinnovabili permettono di limitare le emissioni di C02 e quindi combattere il riscaldamento globale,uno dei più gravi pericoli per il pianeta. Inoltre consentono di produrre energia a costi più bassi. Aumentare la percentuale di energie rinnovabili è per tutti gli accordi internazionali ed europei un obiettivo irrinunciabile.

La prima energia rinnovabile è il legno

Il legno rappresenta un terzo delle energie rinnovabili italiane e un quarto in Europa (le altre rinnovabili principali sono eolico, fotovoltaico, solare, idroelettrico).

Scalda milioni di famiglie italiane

È la seconda fonte di riscaldamento per le famiglie italiane. 24 famiglie su 100 usano legna e pellet per il riscaldamento domestico (Istat 2013).

Risparmiare facendo bene all’ambiente

L’uso del riscaldamento a pellet e a legna consente un risparmio sulla bolletta fino al 75%. Non solo, un aspetto fondamentale è quello degli incentivi e delle agevolazioni fiscali che arrivano fino al 65%. Conoscere il Conto Termico è importante e conviene.

Crea posti di lavoro e imprese italiani

Dal legno nascono filiere locali che generano imprese e posti di lavoro. La ricchezza che crea non va all’estero ma resta nei nostri confini.

Un’eccellenza italiana con numeri da record

In pochi lo sanno, ma la produzione di stufe e camini è un’eccellenza italiana: tre apparecchi a pellet su quattro utilizzati in Europa sono “Made in Italy”. Qualità, tecnologia, design sono alla base di questo successo. In quasi nessun settore l’Italia ha un primato così forte.

L’energia che aiuta i boschi

Molti pensano che utilizzare l’energia che viene dal legno danneggi i boschi e le foreste. È vero esattamente il contrario. Attraverso la gestione forestale sostenibile il nostro patrimonio verde cresce più sano e forte. Negli ultimi 50 anni la superficie boschiva dell’Italia è raddoppiata, cresce di 1.000 metri cubi al minuto.

Indispensabile per l’Europa

In base agli obiettivi europei per il 2030, l’Italia è chiamata a raggiungere la quota del 32% di energie rinnovabili. I combustibili legnosi sono una delle principali fonti energetiche per ottenere questo fondamentale risultato.

Combattere le emissioni

Abbattere le emissioni da polveri sottili è una priorità per la qualità dell’aria e per la salute . Le emissioni sono causate da tanti fattori: traffico e riscaldamento sono tra i più importanti. Il settore del riscaldamento con energie dal legno è in prima fila per combattere le emissioni. Come? Innanzitutto con l’innovazione tecnologica perché il problema delle emissioni è dovuto ad apparecchi vecchi, superati, poco efficienti. I nuovi apparecchi abbattono le emissioni fino all’80% rispetto a stufe, caldaie e camini di vecchia generazione *.

*L’associazione di settore (AIEL) ha firmato un protocollo d’intesa con il Ministero dell’Ambiente per abbattere verticalmente le emissioni in pochi anni in tutta Italia.

Le associazioni promotrici di L’Italia che Rinnova, saranno presenti a Progetto Fuoco 2020.