Articoli

Piemmeti: a Progetto Fuoco 2020 prove tecniche per future alleanze Italia-Spagna che guardano all’America Latina.

Gettate le basi per una nuova sinergia con la fiera Expobiomasa e l’associazione Avebiom

Un roadshow extraeuropeo per promuovere un settore decisivo per il futuro energetico del pianeta, puntando su un mercato in crescita, come quello dell’America Latina. E’ questo l’intento dichiarato dalla dirigenza di Piemmeti, che si prepara ad allargare ulteriormente il proprio raggio d’azione scommettendo su una futura alleanza italo-spagnola.

Nel corso della 12esima edizione di Progetto Fuoco (19-22 febbraio, fiera di Verona), infatti, il direttore generale di Piemmeti, Raul Barbieri, assieme al coordinatore di AIEL Marino Berton, ha incontrato il direttore di Expobiomasa, Jorge Herrero, e il presidente di Avebiom, Pablo Rodero Masdemont, per gettare le basi di una nuova possibile sinergia tra il salone scaligero leader mondiale nel settore degli impianti e attrezzature per la produzione di calore ed energia dalla combustione della legna e la ‘sorella minore’ spagnola che si svolge ogni anno a Valladolid. Un tandem che vede in corsa anche l’italiana Aiel – Associazione italiana energia agroforestali (partner tecnico di Progetto Fuoco) e l’omonima associazione iberica Avebiom.

“Dopo 12 edizioni di Progetto Fuocoha dichiarato il direttore generale di Piemmeti, Raul Barbieri e i risultati record raggiunti quest’anno con 800 espositori arrivati da ogni latitudine, abbiamo deciso di allargare ulteriormente i nostri orizzonti non solo per continuare a crescere e garantire al settore della biomassa una piattaforma di riferimento a livello globale, ma anche per rafforzare la componente business. Ciò significa che, accanto alla nostra comprovata esperienza nel portare in Italia i più importanti produttori a livello internazionale, è giunto il momento di esportare il nostro know how e arrivare direttamente nei principali mercati di riferimento e in quelli emergenti con azioni mirate di promozione, informazione e formazione. Non a caso abbiamo deciso di scommettere su nuove possibili sinergie e su paesi dal forte potenziale di sviluppo, a partire dall’unione con  Expobiomasa e dall’America Latina, che auspichiamo possano portare a ulteriori alleanze per il futuro”.        

Principali novità nel quadro normativo degli impianti a biomasse

Principali novità nel quadro normativo degli impianti a biomasse

Workshop organizzato da AIEL, con il patrocinio del CTI

Progetto Fuoco – Verona, 19/02/2020 presso Pad. 3 – Area workshop stand AIEL

Inizio alle ore 14.00, fine lavori ore 17.00


PRESENTAZIONE

Il seminario è rivolto agli installatori-manutentori, ai progettisti, ai costruttori di generatori di calore e agli operatori del settore rinnovabili.

Il quadro normativo, di interesse per gli impianti a biomasse, è particolarmente dinamico. Siamo in una fase di intensa riforma e revisione di molte norme, che incideranno in modo rilevante sullo sviluppo del mercato.

La prima parte, dopo alcune considerazioni introduttive inerenti alla stesura e l’applicazione delle norme, restituirà una panoramica sull’attuale sviluppo del quadro normativo, con riferimento sia alle attività dei gruppi consultivi sia a quelle delle commissioni tecniche del CTI.

Nella seconda parte ci sarà un focus su quattro norme tecniche di particolare interesse per il settore biomasse, di recente pubblicazione o in fase di pubblicazione.

Nella terza parte ci sarà un intervento di Regione Lombardia che presenterà la nuova Deliberazione della Giunta Regionale che introduce importanti novità nelle disposizioni per l’esercizio, il controllo, la manutenzione e l’ispezione degli impianti termici a biomasse.   

PROGRAMMA

scarica gli atti 

Introduzione e moderazione

Antonio Panvini, Direttore Generale CTI

Sviluppo della normativa tecnica del settore biomasse

Dario Molinari, project leader del CTI

UNI 10389-2 – Misurazioni in opera delle emissioni

Giovanni Raimondini, coordinatore CT 252

UNI 10683 – verifica, installazione, controllo e manutenzione di impianti fino a 35 kW

Gianni Santarossa, componente del Tavolo Tecnico GAD di AIEL

UNI 8065 – Trattamento dell’acqua negli impianti per la climatizzazione e produzione di ACS

Mauro Braga, coordinatore CT 253

UNI 10412 – Sicurezza idronica impianti termici

Gianluigi Codemo, AIEL – Dipartimento Tecnico Normativo (DTN)

Nuove disposizioni per l’esercizio, il controllo, la manutenzione e le ispezioni degli impianti termici a biomasse in Regione Lombardia

Gian Luca Gurrieri | Unità Organizzativa Clima e qualità dell’aria di Regione Lombardia

Question time

Nasce il “Repertorio 2020/2022 delle aziende del settore del riscaldamento a biomassa”

Uscirà a febbraio, in occasione di Progetto Fuoco

Sarà il primo “Repertorio 2020/2022 delle aziende del settore del riscaldamento  a biomassa

Il più completo database internazionale delle aziende che operano nel settore del riscaldamento e della produzione di energia attraverso la combustione di legna uscirà in occasione di Progetto Fuoco, in programma dal 19 al 22 febbraio 2020 a Veronafiere.

1.000 aziende, 350 pagine, 48 classi merceologiche sono i numeri di questo nuovo strumento di lavoro, redatto in italiano, inglese, francese e tedesco.

Distribuito in 10.000 copie

Il Repertorio verrà stampato in 10.000 copie e verrà venduto in Fiera agli operatori e on-line su www.progettofuoco.com, distribuito in Fiera ad espositori, delegazioni di operatori stranieri, autorità e rappresentanti delle Istituzioni ma soprattutto inviato in modo mirato a studi di progettazione italiani e stranieri, importatori e distributori stranieri, buyers della grande distribuzione e distribuito a operatori durante le presenze all’estero di Progetto Fuoco.

TOP Aziende: massima visibilità all’eccellenza

Nelle prime pagine del Repertorio, una sezione denominata “TOP Aziende” ospiterà in due pagine italiano/inglese il profilo delle aziende che vorranno emergere e presentarsi in modo più approfondito.

Clicca qui per prenotare la doppia pagina italiano/inglese da inserire nella sezione “TOP Aziende”