zuppa d'aglio al latte

Zuppa d’Aglio al latte: slow cooking alla piemontese

La cucina piemontese: tradizione di boschi e alpeggi

Il Piemonte è per l’Italia, e non solo, dal punto di vista enogastronomico, un vero e proprio gigante. Carne, formaggi, tartufi, per non parlare del vino. La sua cucina è vivace e semplice al tempo stesso. Tre sono i filoni principali, derivanti dalla condizione sociale: quella rustica, popolana e povera; quella del ceto medio, più elaborata; quella nobile e di Corte. Una tradizione pedemontana, come il nome della regione ricorda, che attinge dal pascolo, dal torrente, dalla stalla e dal frutteto. Dagli alpeggi, con il latte e i suoi derivati, come per la zuppa d’aglio al latte, ai boschi, con la selvaggina e i frutti tipici.

Zuppa d’aglio al latte piemontese

Dei tre filoni della cucina piemontese questo piatto fa parte certamente del primo, quello rustico e popolano. L’uso del pane raffermo sottolinea l’esigenza del “recupero” e quindi il rispetto estremo per il cibo. Ciò non si traduce però in mancanza di gusto, ma anzi, l’utilizzo delle spezie amplifica i sapori degli altri ingredienti rendendolo un piatto goloso e corroborante.

Ingredienti per 4 persone

  • 1 litro di brodo di carne
  • 6 teste d’aglio
  • 1 bicchiere di latte intero
  • 3 cucchiai di olio evo
  • Sale, pepe nero, peperoncino, salvia, timo, prezzemolo, alloro q.b.
  • Grana Padano grattato q.b.
  • Alcune fette di pane raffermo

Procedimento

In una pentola di terracotta già calda versare il brodo e circa un litro di acqua con gli spicchi d’aglio puliti e privati dell’anima. Unire il prezzemolo lavato e lasciato intero, il timo, la salvia, l’alloro e il peperoncino. Lasciare bollire a fiamma lenta per almeno tre quarti d’ora. Togliere l’alloro e il peperoncino e passare tutto al setaccio. Mettere nuovamente la pentola sul fuoco, unendo il latte e l’olio. Salare e pepare. Lasciare sobbollire ancora per un quarto d’ora. Disporre in piccole ciotole di terracotta le fette di pane, spolverizzandole con il Grana Padano. Versare nelle ciotole il brodo profumato e servite. Nella variante alla cipolla valdostana, tritare tre cipolle e lasciarle imbiondire in 70 g di burro. Unire poco meno di mezzo litro di latte, salare, pepare e lasciare sobbollire a fiamma lenta per circa tre quarti d’ora. Disporre il pane nelle ciotole di terracotta e versare sopra la zuppa d’aglio al latte.

LEGGI ANCHE:

Il fuoco in cucina non è più un tabù
Pentole giuste per il giusto gusto nella cucina a legna
Cucine a legna: lo slow cooking fa tendenza
Cucinare nella cucina a legna

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento